Benvenuti nel blog delle mie personalissime recensioni

Giovedì, 21 Ottobre 2021 14:59

A PARIGI, Nicola Ravera Rafele, Giulio Perrone Editore

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Il mio voto è: 8

 

Leggere e il potere dell’immaginazione ci permettono, come ripeto spesso, di viaggiare per il mondo e di ampliare le nostre conoscenze, anche se fisicamente non ci spostiamo dal divano di casa. Per mia fortuna, ho da qualche mese l’opportunità (e la scusa) di andare saltuariamente a Parigi: mio figlio vi ci si è trasferito e sono felice di andare a trovarlo! Va da sé che la mia mente sia spesso rivolta alla capitale francese e, girovagando in libreria, mi ritrovo più a lungo del solito nella sezione dedicata ai Viaggi. Ho scoperto che l’editore Giulio Perrone ha una collana intitolata Passaggi di Dogana, che comprende una raccolta di testi che potremmo definire “guide letterarie”, libri cioè che raccontano di un posto, di una città, di un paese attraverso le parole, le descrizioni di grandi autori. Mi piace definirli libri in viaggio, come la categoria di Passione per i libri. Tra le città proposte nella collana, c’è Parigi, con il bel volume di cui vi parlo qui.

L’autore racconta la città attraverso i suoi ricordi e le sue impressioni alternandole a brani presi in prestito da pagine di letteratura dedicate alla città da grandi scrittori, come Hemingway, Cortàzar, F.S.Fitzgerald per citarne solo alcuni. La scelta degli autori non è casuale: sono stati selezionati perché non francesi. Ravera Rafele, che ha vissuto a lungo nella Ville Lumière, ancora dopo tanti anni, pur nella certezza di non essere più un semplice turista, non si sente un vero parigino. Pensa quindi di ritrovare nelle parole di questi scrittori stranieri, lo stesso scollamento che prova lui stesso, né turista, né abitante, e di rendere un omaggio perfino migliore alla città, perché per lui, così come per gli altri autori, frequentarla non è consuetudine ma frutto di una scelta deliberata.

Partendo dalla sua prima abitazione l’autore, seguendo tre ipotetici itinerari, ci accompagna per le vie di Parigi, raccontandocene la storia, le curiosità; ci invita a notare dettagli o aspetti che potrebbero sfuggire al turista frettoloso ma che ci permetteranno di comprendere perfino meglio dei tanti monumenti dei classici tour, la città e le sue tante sfumature. Proprio i francesi tra l’altro, hanno coniato il termine flânerie, difficilmente traducibile, che indica sì il vagabondare ozioso per le vie cittadine, ma che implica anche il provare stupore e meraviglia ammirando il paesaggio intorno a sé: è un andare a zonzo, vigile, consapevole, emozionale. E Parigi è davvero il luogo ideale dove perdersi e vagabondare, con gli occhi e con il cuore. Non vedo l’ora di tornarci e di visitare i tanti posti suggeriti dall’autore.

Vuoi leggerlo? Puoi acquistarlo cliccando qui sotto…

 

 

 

 

 

Letto 569 volte Ultima modifica il Giovedì, 21 Ottobre 2021 15:18
Devi effettuare il login per inviare commenti

LOGIN

Se sei un utente già registrato effettua il login per scrivere altri commenti

Altri libri nella categoria " Libri in viaggio "